Corso in primo piano
language
Lingua: Italiano
access_time
Durata: 7 ore
place
Corso e-learning asincrono con esame online
volume_up
Comprensivo di audio
card_membership
Valido sul territorio nazionale
done
Corso ed esame sono da ultimare entro e non oltre il 31 dicembre 2024
terrain
Corso con rilascio di Attestato

Presentazione del corso:

Cercando di dare una definizione di packaging green è possibile dire che si intendono quegli imballaggi, rappresentativi di qualità, che coniugano tutela dell’ambiente, rispetto delle esigenze di tutti gli utenti (anche dei più deboli) e miglioramento delle aspettative economiche, sociali e culturali. Seguendo le tre anime della “responsabilità” presenti in questa definizione (ambientale, economica e sociale) è possibile fornire indicazioni sulle priorità e suggerimenti per l’innovazione degli imballaggi cellulosici in riferimento al ciclo di vita del binomio imballaggio + prodotto. La questione ambientale di maggior rilievo per gli imballaggi è tuttora relativa alla prevenzione dei rifiuti, per la quale è necessario intervenire prima della produzione e, dunque, in un ambito che è proprio della progettazione dei prodotti e dei loro imballaggi.

Obiettivi:

Con questo corso illustreremo come progettare il packaging green sia ormai fondamentale e vogliamo dare degli spunti di riflessione sulle possibilità offerte dal packaging come ausilio alla riduzione degli sprechi alimentari, fornendo indicazioni sulle tematiche d’intervento prioritarie: dalla la lotta alla fame all’educazione alimentare; dall’alimentazione ambientalmente sostenibile alla differenziazione delle modalità di consumo individuale o familiare di cibi e bevande; dalla valorizzazione delle territorialità alla responsabilità nella ristorazione collettiva. Insomma, il packaging green deve rappresentare un punto importante della questione ambientale, per cui innovazione degli imballaggi è sinonimo di tutela ambientale, economica e sociale. Vedremo come il costante impegno degli operatori della filiera del packaging verso l’innovazione, l’attenzione alle problematiche ambientali e alle molteplici esigenze degli utenti (siano essi i consumatori finali o gli operatori della logistica, della distribuzione e del fine vita) hanno dato già dei buoni frutti e hanno portato a vedere sempre più spesso la sostenibilità e la responsabilità come un vantaggio (economico, competitivo, d’immagine, ecc.) per chi produce o utilizza gli imballaggi. Ma c’è ancora molto da fare, vedremo come il design può contribuire utilizzando gli strumenti che gli sono propri per indirizzare l’innovazione non solo verso produzioni responsabili, ma anche verso la promozione di buone abitudini d’uso e consumo. Poi cosa molto importante per il packaging, arriva l’obbligo delle istruzioni di smaltimento, infatti da gennaio 2023 sull’etichetta dei cibi dovrà essere indicato il tipo di riciclo dell’involucro. Fede distribuzione, Comieco e Ace Italia siglano un accordo per eco compattatori nei supermercati. Capiremo come l’etichettatura ambientale, diventerà un obbligo proprio per comunicare ai consumatori la destinazione finale di una confezione e i materiali di cui è composta. Tra le proposte di soluzione l’etichetta ambientale digitale (Ead) consente di adeguarsi alla normativa, senza stravolgere il packaging design: personalizzabile in base alle esigenze dei clienti.

Scala delle competenze:

Gli attestati rilasciati permettono di acquisire competenze secondo quanto indicato dal Framework DigComp 2.1 e, quindi, in grado di attestare in maniera oggettiva le competenze digitali necessarie per operare correttamente a livello professionalizzante nel lavoro in Europa. I livelli sono definiti individuando risultati di apprendimento e seguendo la tassonomia di Bloom per un totale di 168 descrittori derivati da 8 livelli per ciascuna delle 21 competenze acquisibili.

Validità del corso:

Corso ed esame sono da ultimare entro e non oltre il 31 dicembre 2024.

Report di avvenuta formazione:

Durante e al termine della fruizione del corso è possibile richiedere il proprio report di studio dettagliato.

Veridicità dell’attestato:

L’attestato riporta un codice identificativo univoco che ne assicura la veridicità. La verifica del codice identificativo univoco può avvenire sull’apposito sito dedicato oppure tramite la scansione del QR Code riportato sull’attestato stesso.

Esami e verifiche:

E’ previsto un test finale obbligatorio a risposta multipla. Il test, qualora non superato, può essere ripetuto fin da subito senza costi aggiuntivi.

Requisiti di accesso agli esami:

L’accesso al test di verifica finale presuppone che il corsista abbia visualizzato il 100% delle lezioni per il tempo prestabilito e sia stato connesso online per la durata minima del corso.

Tutor e assistenza:

A supporto del corsista vi sono Tutor esperti in materia con i quali si può interagire compilando il modulo online o tramite i contatti presenti in piattaforma. Inoltre i corsisti possono confrontarsi ed interagire nella sezione “forum”. Nell’aula virtuale è disponibile online la guida completa delle funzionalità della piattaforma.

Requisiti di sistema:

Il corso è fruibile da PC, Tablet, Smartphone e richiede una buona connessione ad internet. Browser ammessi: Chrome, Firefox, Edge, Safari. In caso di utilizzo del browser Safari da dispositivo mobile, si invita ad abilitare la modalità “desktop”.

Sistema di verifica presenza:

La piattaforma è dotata di un sistema di verifica presenza del corsista che richiede una costante attività online del discente al fine di non interrompere la memorizzazione del tempo di studio.

LA NEUROESTETICA E IL DESIGN EMOTIVO NEL WEB
Introduzione al corso. Le origini della programmazione neurolinguistica. La comunicazione interpersonale. Congruenze ed incongruenze. Le ancore. L’installazione delle ancore. L’immagine identificativa ed attraente. Il codice visivo secondo le Neuroscienze. L’effetto Von Restorff nel dettaglio. Guerrilla marketing. Il carico cognitivo delle immagini. Il ruolo dei colori. Il cerchio cromatico. La teoria dominante dell’attenzione. Priming e immagini. Il Neuromarketing nelle immagini. Il Neurodesign. Il funzionamento del Neurodesign. Packaging e neuro-packaging. La Neuroergonomia. La Neuroestetica. La sezione Aurea. La successione di Fibonacci. La sequenza in natura. L’utilizzo nel mondo del Design. Come i Big usano sequenza e sezione aurea.
NEUROMARKETING IN NEGOZIO
Cos’è il neuromarketing e perché applicarlo in negozio. Come funziona il cervello dei clienti. Scelta razionale o emotiva? Le esigenze di acquisto. La customer journey e le fasi dell’esperienza di acquisto.
CUSTOMER JOURNEY EXPERIENCE: PRIMA, DURANTE, DOPO
Customer Journey Experience – prima. Customer Journey Experience – durante – step entrata-esterno. Customer Journey Experience – durante – step entrata – vetrina. Customer Journey Experience – durante – step entrata – ingresso. Customer Journey Experience. Customer Journey Experience – durante – step pagamento e uscita. Customer Journey Experience – dopo.

chat_bubble_outlineRecensioni

Media rating

0
Nessun Voto 0 Voti
Gratis!
0 Valutazioni

Dettaglio valutazione

5 Stelle
0
4 Stelle
0
3 Stelle
0
2 Stelle
0
1 Stelle
0

There are no reviews yet.

Sii il primo a recensire “Progettare il packaging green: la svolta obbligatoria”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Maggiorni informazioni